Cerca

La norma

Riforma Fornero, arriva la "tassa Inps": ecco quanto ci costerà in busta paga

Riforma Fornero, arriva la "tassa Inps": ecco quanto ci costerà in busta paga

Un'altra stangata sulle tasche di chi lavora. La riforma Fornero continua a far sentire i suoi effetti. Uno di questi è il contributo sul fondo di solidarietà residuale per i lavoratori non coperti dalla cassa integrazione guadagni, previsto a suo tempo dalla riforma, che lavoratori dipendenti e imprenditori inizieranno a pagare dal mese di settembre. Il contributo è dello 0,5% sulla retribuzione, di cui un terzo è a carico del lavoratore. Dalla busta paga di settembre verranno tolti gli arretrati da gennaio 2014, quindi il calcolo è il seguente: lo 0,5 della retribuzione diviso 3 (il terzo a carico del lavoratore), da moltiplicare poi per 9 (i mesi arretrati). Per capire meglio gli effetti della riforma previdenziale voluta dal governo Monti vediamo a quanto ammonta la "tassa" sulla busta paga. Il contributo avrebbe dovuto essere versato dall’inizio del 2014 ma le modalità sono arrivate solo ora e a settembre non solo si pagheranno gli arretrati (per una retribuzione lorda di 2.000 euro mensili circa 30 euro a carico del lavoratore e 60 per l’impresa) ma si chiederà anche l’1% di mora sul dovuto a partire dal 7 giugno.

Il fondo - Il fondo, come ricorda Quifinanza, dovrebbe sostituire di fatto le prestazione erogate con la cassa in deroga (per la quale, in via di eliminazione a fine 2016, non sono previsti contributi da aziende e lavoratori) si finanzia con “un contributo ordinario dello 0,50% della retribuzione mensile imponibile ai fini previdenziali dei lavoratori dipendenti (esclusi i dirigenti), di cui due terzi a carico del datore di lavoro e un terzo a carico del lavoratore. 

La norma - L’articolo 3 della Legge 28 giugno 2012, n. 92 – ricorda l’Inps – "ha la finalità di assicurare ai lavoratori dipendenti da imprese operanti in settori non coperti dalla normativa in materia d’integrazione salariale una tutela in costanza di rapporto di lavoro nei casi di riduzione o sospensione dell’attività lavorativa per cause previste dalla normativa in materia di integrazione salariale ordinaria o straordinaria". In pratica per le aziende che non sono coperte dalla cassa (come ad esempio quelle commerciali fino a 50 dipendenti) arriverà uno strumento di tutela in caso di sospensione dell’attività lavorativa. Ma la tutela sarà prevista per un periodo più breve di quello della cig. Si potrà ricevere l’assegno per soli tre mesi (prorogabili in via eccezionale fino a 9). "Il fondo – si legge nella circolare – ha l’obbligo del bilancio in pareggio e non può erogare prestazioni in carenza di disponibilità".
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Barbarello

    29 Settembre 2014 - 13:01

    Tutti noi, dovremmo scendere in piazza con tutti quelli che hanno contribuito alla rovina della nostra italia, impiccarli tutti e in special modo i banchieri.

    Report

    Rispondi

    • fcaras

      04 Novembre 2014 - 19:07

      Concordo, ma aggiungerei anche tutti coloro che hanno votato a favore della legge TRUFFA della Fornero. Purtroppo siccome sono collusi (tutti) eletti ed elettori nessuno parla. E questi sono i risultati. #arrestatelitutti @fcaras_fc

      Report

      Rispondi

  • antari

    29 Settembre 2014 - 09:09

    A quanto pare Monti e' stato la rovina dell'Italia, no? E chi si e' dimesso spontaneamente e liberamente per consentire a Monti di salire al governo? E chi ha voluto cedere a Monti l'odiato compito di tassarci per recuperare i soldi sprecati?

    Report

    Rispondi

    • ilsennodipoi

      29 Settembre 2014 - 14:02

      Napolitano!!!

      Report

      Rispondi

    • emo

      29 Settembre 2014 - 12:12

      antari, ma allora è proprio un chiodo fisso in testa ( non si può parlare di cervello), forse non hai capito ancora che chi è stato costretto e sottolineo costretto a dimettersi lo ha fatto perchè il tuo mentore del colle e tutti gli altri tuoi kompagni sia italici che stranieri non volevano averlo di traverso in quanto non permetteva loro di fare ciò che volevano.

      Report

      Rispondi

  • marcoferri61

    20 Settembre 2014 - 08:08

    Allo squallore degli aristocratici banchieri che hanno rubato ai poveri per tutelare i privilegi dei ricchi, c'è solo una cosa di peggio: la loro profonda mancanza di vergogna.

    Report

    Rispondi

  • crazybull78

    20 Settembre 2014 - 01:01

    complimenti ai democristiani camuffati da comunisti, siete migliori di quelli riciclati a destra. quando vedo i vecchi orgogliosi della falce e martello e i giovani seguaci di Che-Guevara tifare per Renzi e il PD non posso che gioire al solo pensiero che chi li ha ridotto a lavorare come precari (legge Dalema) e umiliati approvando riforme monti (legge Fornero) presto li eliminerà definitivamente

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog