Cerca

Ci prendono in giro

La Casta in trincea alla Camera:
finanziamenti, no all'abrogazione

Pd, Udc e Pdl votano compatti contro gli emendamenti che mirano a cancellare i rimborsi ai partiti

Alfano, Bersani e Casini

Bocciati gli emendamenti per abrogare il finanziamento ai partiti

 

Tutti bocciati nell'aula della Camera gli emendamenti alla riforma dei partiti che puntavano ad abrogare totalmente il finanziamento dei partiti stessi (poi è passato il testo che dimezza la prossima tranche). Il teatrino della Casta continua il suo improponibile spettacolo: alle parole, invariabilmente, non seguono i fatti. L'Assemblea ha respinto gli emendamenti presentati in tal senso da Pdl e Lega Nord. Contro l'abrogazione dei rimborsi si sono espressi il Partito Democratico, l'Udc ma anche gran parte del Pdl, nonostante avesse proposto il provvedimento. A favore dell'abolizione dei finanziamenti pubblici, invece, si sono espressi il Carroccio, l'Idv, i Radicali e Noisud. I deputati di Futuro e Libertà si sono astenuti, mentre il governo si era rimesso all'Aula.

Il comunicato della Lega - Il primo commento al voto di Montecitorio è arrivato dalla Lega Nord, che lo ha affidato a un comunicato del gruppo alla Camera: "Passando dalle parole ai voti in Parlamento, è ormai chiaro a tutti chi bluffa e chi fa sul serio. La Lega Nord - commenta il partito la bocciatura da parte della maggioranza dell'emendamento - è l'unico movimento che vuole abolire totalmente il finanziamento pubblico ai partiti. La demagogia della maggioranza Pd, Pdl e Terzo Polo è stata smascherata".

Poi il dimezzamento - Successivamente l'aula ha approvato il primo articolo della proposta di legge sulla riforma dei partiti, che di fatto dimezza i contributi del finanziamento pubblico. L’articolo è passato con 372 sì, 97 no e 17 astenuti. Contro hanno votato Lega, Radicali, Noi Sud e Idv. E la sinistra si è voluta prendere il merito. "Merito nostro", ha detto Michele Ventura, vicepresidente vicario dei deputati del Pd. "Ancora oggi c’è chi promette una raccolta di firme per una legge che verrà, c’è chi, demagogicamente,  vuole cancellare il contributo pubblico. Noi, coerentemente  abbiamo fatto quel che abbiamo promesso". Ma non erano certo soli, visto che i voti favorevoli sono stati 372.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • taratata

    14 Luglio 2012 - 14:02

    oltre ad essere delle merde siete anche dei parassiti mi rivolgo ad A B e C siete una cloaca. e questi sarebbero quelli(che a parole)pensano ai nostri problemi ma andatevene a fare in c..o

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    22 Giugno 2012 - 00:12

    Non voterò nessuno, ma in questo caso Grillo ha 1000 ragioni. Sono dei mangiapaneatradimento.

    Report

    Rispondi

  • pasquino del3mi

    31 Maggio 2012 - 18:06

    spero che alle prossime elezioni vinca grillo, ma al 905% cosi mandiamo a casa questa casta di ladri e spero che li mandino in agricoltura inzieme agli extracomunitari, cosi vedono come si lavora.vergogna di questo paese.L'ultima fazio non è colpevole, ma quando vanno in galera le caste

    Report

    Rispondi

  • samanaua

    23 Maggio 2012 - 17:05

    ma che cosa ci aspettavamo che si riducessero i previlegi ma figuratevi ansi forse se aumentano lo stipendio questi spudorati , ma il piu mi fa meraviglia che la sinistra sta a guardare .spero che abbiamo preso visione di questa situazzione alle votazioni tutti a casa ma anche Fini che è il piu spudorato di tutti .... SAMANAUA

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog