Cerca

Incontro con i giornalisti

Mps, Napolitano avverte la stampa: "Serve più riservatezza"

Il presidente della Repubblica: "C'è un cortocircuito tra informazione e indagini giudiziarie". E si schiera con la Procura di Siena

Mps, Napolitano avverte la stampa: "Serve più riservatezza"

 

Monte dei Paschi di Siena, il caso è chiuso. Almeno giornalisticamente, perché l'ammonimento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano all'informazione è chiaro: di quell'inchiesta è meglio non parlarne. In occasione dei 50 anni della legge istitutiva dell'Ordine dei giornalisti, di fronte a una delegazione giunta al Quirinale, il presidente ha ricordato "i rapporti tra stampa e amministrazione della giustizia". "Abbiamo spesso degli effetti non positivi - ha sottolineato Napolitano -, quasi dei cortocircuiti tra informazione, che tende ad avere il massimo di elementi per poter assolvere a un ruolo di propulsione alla ricerca della verità, e nello stesso tempo riservatezza necessaria delle indagini giudiziarie e rispetto del segreto d’indagine". 

Il Colle sta con la Procura - E a questo proposito, il Capo dello Stato ha fatto riferimento all'ultimo esempio. Mps appunto, e il "richiamo piuttosto brusco di un importante ufficio giudiziario, la Procura della Repubblica di Siena, di fronte alla pubblicazione di notizie che ha dichiarato totalmente infondate e di cui ha anche fatto comprendere la grave possibile ricaduta destabilizzante sui mercati, al punto da annunciare o da ventilare provvedimenti per aggiotaggio e insider trading". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    04 Febbraio 2013 - 13:01

    Silenzio, in nome dello Stato e dell'Amor di Patria! Non vorrete mica che gli elettori di sinistra si sveglino dal letargo e scoprano quanto e come i loro purissimi leaders li hanno copiosamente presi per il culo! Siamo pur sempre in campagnia elettorale, bisogna fare in modo che Bersani porti in porto la barchetta rossa. Strano che la riservatezza, sacrosanta durante la fase delicata delle indagini, sia riservata solo agli scandali di sinistra. Niente 10 domande su Repubblica, niente scoop del Corriere, niente intercettazioni spiattellate sui giornali, niente dichiarazioni di "fonti attendibili", niente dichiarazioni di qualche europappone, insomma silenzio assoluto! Nell'attesa che il popolo bue ...dimentichi!

    Report

    Rispondi

  • mimmomalagnino

    03 Febbraio 2013 - 12:12

    Mister presidente , lei è o non è superpartes? Dovrebbe esserlo ,superpartes.la sua carica glielo impone!! E allora non deve mettere il bavaglio alla stampa nazionale!! TACCIA!!

    Report

    Rispondi

  • Barbadifrate

    02 Febbraio 2013 - 14:02

    Intanto noto che nessuno ha fatto uscire intercettazioni telefoniche o notizie private come nel passato per altri affari. Poi, il P.d.R. che dice che serve "riservatezza" perché si è in periodo elettorale!!! Ma questo è davvero il colmo. Questo deve essere lo stimolo per scavare più a fondo della questione MPS perché è la prova che la torta è bella grande e puzza parecchio per aver svegliato il grande capo da indurlo a fare questa raccomandazione.

    Report

    Rispondi

  • custos

    02 Febbraio 2013 - 14:02

    Da quello che si legge Lei non vuole nemmeno sentire parlare dei 4 miliardi al Monte Paschi di Siena, insomma non vuole nemmeno sentire parlare di oltre 4 miliardi importo se non erro pari alle IMU sulla prima casa da regalare a una banca Fallita gestita da strani esseri. Si faccia un esame di coscienza ogni giorno chiudono e o falliscono sembra circa 35 artigiani, piccole imprese, imprese a conduzione famigliare perché non c'è più lavoro, perché queste Banche non danno credito per sopravvivere alla crisi (non meritano queste persone di essere salvate). Lo sa che i 4.000.000.000 di Euro salverebbero minimo 66.000 di queste piccole imprese erogando in media un credito di 60.000 € a ciascuna di loro, evitando altri suicidi di ESSERI UMANI, uomini e donne che per tutta la vita hanno solo lavorato "non in politica" ma nella vita reale con sacrifici lacrime e sangue

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog