Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Greppia pubblica

Ai partiti un miliardo di euro fantasma

Oltre ai rimborsi ci sono i fondi ai gruppi parlamentari. Gestiti senza obbligo di rendiconto e con assooluta discrezionalità

rimborsi elettorali

rimborsi elettorali

Dal 1994 ad oggi i partiti politici italiani non hanno preso solo i 2,3 miliardi di euro di rimborsi elettorali, ma anche un miliardo di euro fantasma. Si tratta dei contributi erogati dalla amministrazione di Camera e Senato ai gruppi   parlamentari, che dal 2008  - quando è iniziata l’attuale legislatura - ad oggi  sono ammontati  a 300 milioni di euro,  e che a fine corsa saliranno ben   sopra i 400 milioni di euro (circa la metà dei 900 milioni di euro di rimborsi percepiti in una legislatura).

Soldi veri - Si tratta di soldi veri, che vengono dalle tasse degli italiani e che però sono gestiti nella più assoluta opacità. A differenza dei partiti politici di riferimento, i gruppi parlamentari non hanno infatti  l’obbligo di presentare né un bilancio né un rendiconto delle somme ricevute, e quindi non li presentano nemmeno al loro interno. Una segretezza che ha scandalizzato perfino gli ispettori dell’Unione europea  (del servizio Greco) che sono venuti in questi mesi in Italia per verificare come funzionava il finanziamento della politica e quali effetti abbia sulla clamorosa corruzione censita nella nostra penisola. Segreto, ma è un fiume di denaro, visto che solo nel 2011 sono stati erogati ai gruppi parlamentari 36,2 milioni di euro alla Camera e 37,6 milioni di euro al Senato (dove nel trasferimento ai gruppi sono comprese spese di segreteria che alla Camera vengono erogate direttamente ai deputati). L’unica traccia sull’uso di queste somme arriva dai bilanci ufficiali di Camera e Senato, che si limitano però a poche voci generali.

Voci generiche - Alla Camera dei deputati ad esempio i 36,2 milioni di euro erogati ai gruppi parlamentari risultano così divisi: 13,4 milioni di euro sono rubricati come «contributo per il personale dipendente dei gruppi». Altri 11 milioni di euro sono destinati al «personale segreteria di gruppi», che evidentemente non è ricompreso nella prima voce. Il resto della somma, 11 milioni e 850 mila euro, sono motivati come misterioso «contributo per il funzionamento dei gruppi».  Difficile immaginare come una somma così possa essere giustificata. I deputati hanno tutti i servizi pagati, la Camera ha circa 2 mila dipendenti che sono in grado di rispondere a qualsiasi esigenza dei deputati. L’ufficio studi che lavora in genere per le commissioni parlamentari, come spiegano le relazioni sullo stato dell’amministrazione presentate ogni anno dal segretario generale, forniscono a richiesta tutto il supporto e la documentazione necessaria ai gruppi parlamentari. Gli uffici sono pagati, come tutta la struttura logistica, dalla stessa Camera dei deputati o perché è proprietaria dei locali e ne assicura la manutenzione, o perché paga affitti e personale logistico. Stessa cosa per il Senato. Tutte le utenze sono a carico della amministrazione generale (luce, acqua, gas e telefoni), e perfino lo sviluppo della rete informatica dei gruppi parlamentari è spesata ogni anno in un altro capitolo di bilancio generale, dove vengono stanziati fra 2 e 3 milioni di euro l’anno. Anche sul personale, le cifre genericamente indicate in bilancio sembrano assai generose. Solo i segretari/segretarie indicate prima dovrebbero ammontare alla Camera in circa 200 unità con quella spesa (e con uno stipendio mensile di poco inferiore ai 3 mila euro). Più o meno identica la consistenza di personale con altre mansioni.

Scissioni ad hoc - Vero che i gruppi parlamentari che all’inizio della legislatura erano ridotti all’osso anche questa volta sono lievitati grazie alle scissioni politiche e a qualche operazione di comodo. Vero anche che -  come ha confessato a Libero un alto dirigente di un gruppo parlamentare - il tesoriere del gruppo insiste sempre per fare scissioni di facciata, creare un piccolo gruppo in più (per farlo bastano 10 senatori o 20 deputati) e ottenere nuovi trasferimenti dalle amministrazioni. Ma spiegare come possano essere spesi al di là delle assunzioni (che certo non avvengono per concorso) e delle spese di personale almeno 25 milioni di euro all’anno nei due palazzi è davvero impresa ardua. Qualche spiegazione viene spifferata qua e là   nel grande riserbo generale: parte delle somme non rendicontate serve  ad integrare gli stipendi dei dirigenti dei gruppi parlamentari con indennità legate alla loro funzione interna (presidenti, vicepresidenti e segretari di gruppo). Parte viene usata come benefit e a titolo di rimborsi spesa per i membri stessi dei gruppi parlamentari. Parte ancora per iniziative politiche (come convegni, conferenze e manifestazioni varie).

No rendiconto - L’unica cosa certa è che non viene rendicontato il minimo utilizzo di questa somma. E che nessuno ha pensato alla sua trasparenza nemmeno nella  nuova legge sul finanziamento della politica presentata dal trio Angelino Alfano, Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini.

di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • passerapelonero

    22 April 2012 - 19:07

    Inutile che cambino nome ai partiti,sono mummie e tali rimangono,sono incollati alla poltrona che fanno schifo!

    Rispondi

  • maxgarbo

    22 April 2012 - 12:12

    rimettetelo nelle casse dello stato, saremo meno strozzati dalle tasse.

    Rispondi

  • slymodena

    22 April 2012 - 10:10

    chiedono sacrifici a pensionati e malati ma non pensano mai di ridurre i costi iniziando a tagliare i finanziamenti a partiti, giornali, eliminare enti inutuli, cancellare le province una volta per tutte. Visto che non sono capaci di fare queste semplici cose è giusto che vadino a casa tutti, continuano a prenderci in giro presentandosi con nuovi nomi e bandiere. Ormai ci trattano cosi perchè sanno che non siamo capaci di fare una rivoluzione e tagliare democraticamente con il voto tutti i partiti, da Berlusconi ai comunisti.

    Rispondi

  • stevenson 46

    22 April 2012 - 10:10

    Mi risulta che i Partiti possono utilizzare i finanziamenti pubblici a loro discrezione senza renderne conto se non ai propri aderenti e agli elettori. Allora perché alcune Procure stanno indagando la Lega Nord? Perché indagano solo la Lega Nord? Qual è il reato?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Shopping

blog